Il Premio tedesco per la sostenibilità 2021

Si è celebrata la 14esima Giornata tedesca della sostenibilità. Un’occasione di festa e riflessione per celebrare, premiare e diffondere le iniziative e pratiche più innovative, pur sapendo che i problemi spesso sono più veloci delle soluzioni.

di Karoline Rörig

La settimana scorsa, il 2 e 3 dicembre 2021, ha avuto luogo, a Düsseldorf, per la 14esima volta la Giornata tedesca della sostenibilità. Questo congresso, sostenuto da numerosi partner, tra l'altro dal Governo federale e dal “Land” Nord Reno-Westfalia, è un'iniziativa privata, costruita intorno all'avvocato e giornalista scientifico Stefan Schulze-Hausmann e Günther Bachmann, ex segretario generale del Consiglio tedesco per lo sviluppo sostenibile.  Sin dalla sua fondazione nel 2008, questi due con il loro team hanno trasformato questo congresso nel principale forum tedesco per la sostenibilità e il business sostenibile.

Il cuore dell'evento è il concorso per il Premio tedesco per la sostenibilità (Deutscher Nachhaltigkeitspreis). Il concetto del concorso e del congresso segue l'idea di un'azione multi-stakeholder. La Fondazione che regge il Premio tedesco per la sostenibilità riunisce più di settanta istituzioni, organizzazioni e aziende che contribuiscono in modo significativo ad ancorare il premio nella politica, nelle organizzazioni comunali, nelle associazioni e nel pubblico con competenze, know-how, contributi contenutistici, finanziamenti e/o aiuti nel settore della comunicazione.

Nonostante la situazione pandemica attuale estremamente difficile in Germania, la 14esima Giornata tedesca della sostenibilità ha potuto svolgersi quest'anno in presenza, certo nel rispetto di severe misure di protezione anti-Covid. La partecipazione era possibile solo per coloro in possesso di Green Pass; inoltre, era obbligatorio un test antigenico negativo del giorno stesso, portare la mascherina e rispettare la distanza.

I partecipanti registrati hanno anche avuto l'opportunità di seguire il ricco e variegato programma nella versione online e di partecipare attraverso la piattaforma virtuale del congresso. In totale, in questi due giorni si sono svolti più di 60 appuntamenti, panel, conferenze, alcuni dei quali in parallelo, con esperti rinomati, politici, imprenditori, scienziati e professionisti.

Le assegnazioni dei Premi tedeschi per la sostenibilità sono sempre la parte centrale e i momenti culminanti del programma. Oltre ai premi d'onore, vengono proclamati e consegnati premi in varie categorie:  imprese, comuni, architettura, ricerca, startup (Next Economy Award), imballaggio, design, ricerca e partnership aziendali globali. Inoltre, da alcuni anni, i premi vengono assegnati anche a innovatori e a modelli di trasformazione in settori rilevanti quali il clima, la biodiversità, le risorse, la società e le catene di approvvigionamento.  Una panoramica dei vincitori del premio di quest’anno è disponibile qui.  Il 3 dicembre, in una serata festosa e solenne sono stati annunciati e conferiti i premi alle aziende con i migliori risultati di trasformazione nelle categorie di biodiversità, economia circolare, clima e società. Il programma è stato completato dai contributi dei vincitori dei premi onorari, tra cui Prof. Dr. Hans Joachim Schellnhuber, grande esperto di clima, per la sua iniziativa "Bauhaus der Erde" e Dr. Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione Europea, che è stata premiata per il suo impegno appassionato per lo European Green deal.

In linea di principio, la partecipazione ai singoli concorsi è aperta a tutti i candidati interessati e attivi in Germania, quindi anche ad aziende straniere, architetti, designer, ricercatori e start-up. Nello spirito della nostra iniziativa "Dialogo italo-tedesco per lo sviluppo sostenibile" sarebbe auspicabile che la prossima edizione del Premio tedesco per la sostenibilità nel 2022 veda in concorso anche numerosi candidati italiani e progetti di cooperazione italo-tedeschi. L'Italia e la Germania potrebbero su questa bella platea dare un forte segnale del loro impegno comune per gli Obiettivi della sostenibilità. È così importante cambiare le idee sui suddetti campi di lavoro, attraversando le frontiere nazionali, e imparare gli uni dagli altri. Di solito, i concorsi per i Premi tedeschi per la sostenibilità aprono a marzo/aprile di ogni anno.

Il Premio tedesco per la sostenibilità è una piattaforma indipendente aperta a tutti gli attori che sono impegnati nel e per un mondo sostenibile, e si impegna per i seguenti obiettivi generali: accelerare e promuovere il cambiamento e la trasformazione verso un modo più sostenibile di vivere e lavorare, sostenendo la ricerca e le innovazioni pertinenti, avviando e rafforzando la cooperazione e la collaborazione nelle imprese e nella società, ancorando i principi dell'azione sostenibile nella coscienza e percezione pubblica e quindi promuovendo la partecipazione: perché la trasformazione sostenibile del nostro mondo e delle società dovrebbe essere un progetto di tutti noi.

La 14esima edizione del Premio tedesco per la sostenibilità è stata senza dubbio ancora una volta un momento speciale, un highlight tra gli eventi dedicati al tema. È stato messo in scena brillantemente, e perfettamente coreografato. Le cerimonie di premiazione nell’ambito di una serata di gala hanno il fascino del "grande cinema": un tappeto blu, alcune celebrità (come Forest Whitaker, Joss Stone, Chris de Burgh e Billie Eilish) e un diluvio di flash. Questo è esattamente il messaggio e l’intento dei promotori: le cose buone devono essere celebrate, nonostante tutta la consapevolezza che i problemi sono più veloci delle soluzioni. Vogliono portare il tema della sostenibilità sulla grande scena: con e per una maggiore attenzione e attrattiva. E accettano questo anche come una loro sfida. Dopotutto, l'intero progetto è orientato e realizzato secondo i principi della produzione sostenibile di eventi: tutti i passi organizzativi sono rivisti e ottimizzati per quanto riguarda la compatibilità ambientale, l'efficienza energetica e delle risorse, la logistica sensata e gli standard sociali.

Nelle prossime edizioni di questo blog, riporteremo più in dettaglio i singoli concorsi, le iniziative e i progetti presentati, discussi e premiati, e avremo anche il piacere di parlare con i fondatori del Premio: per esempio, parleremo con Günther Bachmann del suo nuovo libro How to Successfully Encourage Sustainable Development Policy: Lessons from Germany, che sarà pubblicato da Routledge, Londra, nel maggio 2022.

In questo spirito, vorrei concludere per oggi con la bella citazione di Antoine de Saint-Exupéry con la quale Ursula von der Leyen ha concluso il suo appassionato e stimolante discorso al Premio tedesco per la sostenibilità: "Il futuro non è che passato da mettere in ordine. Non è necessario prevederlo, ma renderlo possibile".

di Karoline Rörig

Giovedì 09 Dicembre 2021