Laboratorio di futuro: anticipare i cambiamenti

Premiato il corso nato dalla collaborazione tra tsm - Trentino School of Management e Skopìa, la start up dell’Università di Trento. Tra gli obiettivi, lo sviluppo degli strumenti cognitivi per affrontare in modo sistematico e metodologicamente valido i futuri.

di Roberto Poli 

In occasione della sesta edizione del premio “Eccellenza della Formazione”, promosso dall’Associazione italiana formatori (Aif) e rivolto a tutte le realtà professionali operanti nel settore pubblico o privato, è stato premiato il progetto “Laboratorio di futuro: anticipare i cambiamenti”, di tsm – Trentino school of management, per la categoria “Mercati, competitività & internazionalizzazione”. Il premio è stato ritirato da Paola Borz, direttrice generale di tsm, Laura Pezzato, coordinatrice del progetto e Nicola Villa, coordinatore dei progetti speciali e innovazione.

Paola Borz ha sottolineato quanto il riconoscimento fornisca ulteriore stimolo a lavorare per migliorare il livello qualitativo della proposta della scuola di formazione della Provincia autonoma di Trento, puntando sulla creatività e sulle collaborazioni, come quella nata con la start up Skopia, il cui presidente, il professor Roberto Poli, ha ottenuto la prima cattedra Unesco sui Sistemi anticipanti.

Si è trattato di un corso, nato dalla collaborazione fra tsm e la start up dell’Università di Trento, Skopìa S.r.l., previsto dal piano formativo della Provincia, che si è posto l’obiettivo di fornire al management pubblico un’indispensabile base di conoscenza per poter allenare competenze e capacità al fine di approcciare in modo sistematico i futuri cambiamenti.

Ma come era organizzato e quali sono stati i contenuti del corso? La prima edizione del corso, svoltasi nel 2019, prevedeva quattro momenti formativi. Il primo, intitolato “Perché gli studi di futuro?”, ha visto i seguenti interventi: 

  • Usare il futuro nel presente  (Roberto Poli) 
  • Storia degli Studi di futuro (Antonio Furlanetto) 
  • I tre livelli di Futuro: Forecast, Foresight, Anticipation (Roberto Poli).

Il secondo momento ha introdotto il tema dei megatrend e degli esercizi di futuro, con i seguenti interventi:  

  • Cosa sono i Megatrend (Roberto Poli) 
  • Fasi di un esercizio di Futuro (Francesco Brunori) 
  • Esercizio di Futuro: il Backcasting (Roberto Poli, Francesco Brunori).

Il terzo momento è stato dedicato al “risk management anticipante” e comprendeva i seguenti temi:  

  • L’Anticipatory Risk Management (Antonio Furlanetto) 
  • Esercizio di Futuro: la Ruota dei Futuri (Roberto Poli, Antonio Furlanetto)
  • Siamo tutti tacchini (Roberto Poli) 

Il quarto momento, infine, è stato dedicato alla struttura di un esercizio di futuro e ha visto i seguenti interventi:  

  • Metodi di Futuro e loro classificazione (Roberto Poli) 
  • Timeline del Futuro (Roberto Poli, Rocco Scolozzi) 
  • Accelerazione Sociale (Roberto Poli) 

Successivamente è stata svolta la versione advanced dello stesso corso. I corsi di futuro forniscono ai partecipanti gli strumenti per affrontare in modo sistematico e metodologicamente valido i futuri. Più in dettaglio, la formazione sviluppa gli strumenti cognitivi per ideare strategie, incrementare la capacità di capire e usare i futuri su orizzonti temporali di medio periodo, e incentivare la capacità di sviluppare “semilavorati” che aiutino le organizzazioni a non farsi trovare impreparate.

Il premio vinto dal corso sull’anticipazione dei cambiamenti è un piccolo-grande segnale che dice che il lavoro sul futuro fatto in modi seri e professionali sta prendendo piede e comincia ad essere riconosciuto anche da sedi prestigiose come l'Aif. 

di Roberto Poli

Mercoledì 27 Ottobre 2021