07 luglio 2021

"Contro l’invecchiamento", "Sotto copertura", "Pesci dipendenti": questi i temi della nostra rassegna settimanale.

  • Contro l’invecchiamento. A partire dal prossimo anno, lo Special Operations Command (Socom) delle forze armate statunitensi inizierà a testare una pillola sperimentale in grado di prevenire gli effetti dell’invecchiamento sui soldati. L'esperimento, riporta Breaking Defense, fa parte di un progetto più ampio di potenziamento delle capacità umane, per mantenere i combattenti operativi e garantire il massimo delle prestazioni. “Questi sforzi non riguardano la creazione di caratteristiche fisiche che non esistano già in natura”, ha detto a Breaking Defense Tim Hawkins, portavoce di Socom. “Si tratta di migliorare la riuscita della missione agendo su alcune prestazioni che diminuiscono con l’età”. 

  • Sotto copertura. Un lobbista senior della ExxonMobil ha ammesso ad alcuni attivisti di Greenpeace, camuffati da cacciatori di teste, che la compagnia petrolifera combatte attivamente contro la legislazione sul cambiamento climatico, fingendo di sostenere le politiche ambientali in pubblico. Secondo Channel 4 News, il lobbista Keith McCoy ha fatto una serie di “ammissioni sorprendenti”, come il modo in cui ExxonMobil ha contribuito a smussare i riferimenti legati al clima nella recente legge sulle infrastrutture del presidente Biden. “Potrebbe non essere uno shock il fatto che una delle più grandi società mondiali nel settore dei combustibili fossili sia ideologicamente contraria a un'agenda climatica progressista”, si legge su The Byte. “Ma è allarmante rendersi conto di tutti i passi che ExxonMobil compie per combattere l'azione ambientale”.

  • Pesci dipendenti. “Circa 269 milioni di persone nel mondo fanno uso di droghe ogni anno”, si legge su ScienceAlert. “Le fogne, e poi le acque costiere, sono inondate di farmaci che vengono espulsi dal corpo, insieme ad altri componenti chimici scomposti che hanno effetti simili ai farmaci stessi”. In un recente studio pubblicato sul Journal of Experimental Biology, alcuni ricercatori e ricercatrici della Repubblica Ceca hanno studiato come la metanfetamina – uno stimolante con un numero crescente di consumatori in tutto il mondo – sta influenzando la vita della trota fario selvatica, rendendola dipendente da questa sostanza. Alcune trote sono state inserite in grandi vasche contenenti metanfetamina per otto settimane, e poi messe in una condizione di astinenza per dieci giorni. “Il pesce esposto alla metanfetamina ha preferito l'acqua contenente il farmaco, mentre non è stata mostrata tale preferenza per il pesce non trattato”. I ricercatori hanno anche scoperto che durante il periodo di sospensione, la trota esposta alla metanfetamina si muoveva di meno, segno di ansia e stress da astinenza.

di Flavio Natale 

Mercoledì 14 Luglio 2021