21 aprile 2021

"Pizza a domicilio", "Pensieri in vendita", "Pubblicità occulta": questi i temi della nostra rassegna settimanale.

  • Pizza a domicilio. Domino's, gigante della pizza statunitense, sta collaborando con la società di robotica Nuro per garantire un sistema di consegna automatizzata a Houston, in Texas. “I clienti potranno farsi portare la pizza da un robot chiamato R2”, riferisce The Byte. Il veicolo a quattro ruote è stato introdotto per la prima volta nel febbraio 2020 ed è diventato il primo mezzo per le consegne su strada completamente autonomo ad essere approvato dal Dipartimento dei trasporti. "C'è ancora tanto da imparare sulle consegne automatizzate", ha detto Dennis Maloney, vicepresidente e chief innovation officer di Domino’s. “Questo programma ci consentirà di comprendere meglio come i clienti risponderanno alle consegne e interagiranno con i robot”. Gli utenti potranno infatti monitorare la posizione delle pizze in tempo reale, e recuperarle inserendo un codice pin sul pannello collocato al lato del robot, per aprire lo sportello in cui la pizza è conservata.

  • Pensieri in vendita. Neuralink, società di impianti neurali co-fondata da Elon Musk, ha recentemente pubblicato un video di un primate che, tramite un dispositivo installato nel cranio, ha dimostrato di poter gestire i comandi del videogioco Pong con il pensiero. La demo ha sollevato domande significative sulla privacy, la proprietà dei dati e l'etica biomedica, come si legge su Neoscope. “Anche se sono entusiasta delle applicazioni terapeutiche dei chip cerebrali per chi ha problemi di movimento e memoria, mi preoccupa l'uso diffuso che se ne farà in futuro”, ha detto a The Observer Susan Schneider, psicologa cognitiva e direttrice del Florida Atlantic university’s center for the future mind. “Senza una regolamentazione adeguata, i tuoi pensieri più intimi e i tuoi dati biometrici potrebbero essere venduti al miglior offerente”, ha aggiunto sempre Schneider. I dati neurologici raccolti per un esperimento o trattamento medico sono al momento protetti da normative come l'Health insurance portability and accountability act (Hipaa). “Ma non ci sono barriere legali che impediscono in futuro a un'azienda come Neuralink di raccogliere e vendere dati cognitivi per monetizzare le preferenze dei consumatori, una sorta di versione più invasiva di Facebook”.

  • Pubblicità occulta. Secondo la Bbc, la società pubblicitaria Mirriad ha sviluppato una nuova tecnologia che le consente di introdurre inserti di prodotti dentro film e programmi Tv del presente e del passato. La tecnologia, già implementata da un servizio di streaming cinese, consentirebbe ai marchi di inserire pubblicità o loghi nei media esistenti. “Di un'immagine si può comprendere profondità, movimento e qualsiasi altra cosa”, ha detto Stephan Beringer, Ceo di Mirriad. “Quindi è possibile introdurre loghi che l'occhio umano non percepisce come aggiunti in un secondo momento”.

    “Le questioni legali e di copyright si dimostreranno probabilmente insormontabili”, ha detto a questo proposito alla Bbc Anne Billson, critica cinematografica. “Ma questa tecnologia di posizionamento retroattivo del prodotto potrebbe diventare popolare nell'industria musicale, dove gli artisti cercano di ottenere entrate dalla libreria di video musicali, aggiungendo nuove etichette, poster o persino vestiti”.

di Flavio Natale

Mercoledì 28 Aprile 2021