27 gennaio 2021

"Risata tecnologica", "Il mondo ci sembrerà noioso", "Catturare il carbonio": questi i temi della nostra rassegna settimanale.

  • Risata tecnologica. La depressione può essere combattuta con un intervento chirurgico, attraverso l’impianto di un piccolissimo stimolatore che a intervalli regolari eroga una piccola scarica elettrica: niente a che fare con gli elettroshock delle terapie di una volta. Grazie a questo procedimento, illustrato su Nature Medicine da un gruppo di scienziati della Università della California, una paziente gravemente depressa ha dichiarato di essere tornata ad apprezzare la vita e a ridere per la prima volta dopo cinque anni.
     
  • Il mondo ci sembrerà noioso. Sempre in tema: sono in molti a lavorare sulla brain computer interface (Bci), le possibilità di interazione tra i computer e il cervello umano. Tra questi c’è Gabe Newell, capo della Valve Corporation, una società americana che si è affermata nel campo dei videogiochi ma che costruisce anche cuffie per la realtà virtuale. In una intervista al neozelandese I news, Newell ha dichiarato che in un prossimo futuro i computer utilizzati per i giochi potranno percepire le sensazioni trasmesse dal cervello (eccitazione, sorpresa, divertimento, noia) e utilizzare queste informazioni per migliorare i giochi stessi. “Rispetto alle visioni che potremo ricreare nel cervello”, ha detto Newell, “il mondo reale apparirà piatto, sfocato, senza colore”.
     
  • Catturare il carbonio. La “carbon capture” è una delle grandi sfide tecnologiche per mitigare la crisi climatica: come riassorbire l’anidride carbonica emessa bruciando i combustibili fossili. Elon Musk, il fondatore di Tesla, ha annunciato su Twitter che darà un premio di cento milioni di dollari a chi saprà proporre la migliore tecnologia per la cattura del carbonio. “Un albero?” gli ha risposto qualcuno. Ma Musk l’ha preso sul serio: “Gli alberi fanno parte della soluzione, ma richiedono un sacco di acqua e di terreno. Abbiamo bisogno di qualcosa che si possa fare su grandissima scala in 10 - 20 anni”. In una intervista a Fortune, Musk ha anche detto di essere molto felice per l’elezione di Joe Biden, che tornerà a dare la dovuta attenzione alla climate mitigation.

di Donato Speroni