Come valutare le perdite di chi perde la scuola

La pandemia ha influito enormemente sul sistema scolastico, e i risultati si vedranno in termini di Pil nei prossimi anni. Si stima un 3% in meno per i ragazzi che hanno vissuto la chiusura delle scuole.

 

di Luca De Biase

 

Nell’economia della conoscenza, l’investimento a maggiore potenziale è quello che riguarda la formazione. Ogni intervento sul futuro si conclude sempre con un forte richiamo alla necessità di rafforzare la scuola. Ma le politiche coerenti con questa impostazione non sono caratteristiche di tutti i paesi. Con la clausura decisa per contenere la diffusione del Covid-19, queste incoerenze si sono moltiplicate. E in diversi paesi è stata decisa, sebbene in modalità diverse, la chiusura delle scuole. In Italia, la didattica a distanza, eroicamente raffazzonata, non ha avuto alcuna possibilità di sostituire l’insegnamento e la socializzazione in classe, ha aumentato le distanze tra i ceti sociali e le aree geografiche, ha alimentato il rischio di dispersione scolastica. Ma alcuni studi fanno notare che le perdite non sono solo queste. Secondo l’Ocse, le perdite di mesi di studio si tradurranno in perdite di prodotto interno lordo e di probabilità di reddito per i giovani coinvolti. Ovviamente di dati differiscono da Paese a Paese, ma in generale l’Ocse stima che gli studenti tra i 6 e i 18 anni che hanno subito la chiusura della scuola devono attendersi probabilmente un 3% di minore reddito nel corso della loro vita. Per quanto riguarda i paesi, queste chiusure possono tradursi in una perdita di Pil del 1.5% all’anno mediamente per il resto del secolo.

Lo studio “The economic impacts of learning losses” afferma che la chiusura delle scuole ha un effetto economico enorme. Un altro studio, realizzato da Dimitri A. Christakis, Wil Van Cleve, Frederick J. Zimmerman, è anche più allarmante, come suggerisce il titolo “Estimation of Us children’s educational attainment and years of life lost associated with primary school closures during the coronavirus disease 2019 pandemic”. Il modello applicato da questi studiosi connette il tempo dedicato alla formazione all’economia e dunque all’aspettativa di vita. E lo studio stima che negli Stati Uniti la perdita di giorni di scuola possa essere associata a una perdita stimata di 5.53 milioni di anni di vita.

 

di Luca De Biase 

Giovedì 19 Novembre 2020