Dal Covid può uscire la città policentrica e attenta alla sostenibilità

Dalle strade senza auto ai superblocchi, dalla città compatta a quella dei 15 minuti. Tutti i nuovi modelli urbani hanno lo stesso obiettivo: migliorare la qualità della vita e salvare l'ambiente.

di Andrea De Tommasi

Uno dei leitmotiv delle istituzioni internazionali è che la crisi può essere un’opportunità per costruire città migliori e più sostenibili. È ben noto, infatti, che le città producono il 70% delle emissioni globali di gas serra. Ma le criticità riguardano vari ambiti, e in tutto il mondo i centri urbani sono ad esempio particolarmente vulnerabili agli shock climatici e ai disastri naturali. Le realtà urbane ospitano il 60% dei rifugiati e fino all’80% degli sfollati interni. Fin dai primi giorni della pandemia, le città sono state particolarmente colpite dal Covid-19. “Il 95% di tutti i casi nei primi mesi di Coronavirus è stato registrato nelle città”, ha dichiarato Maimunah Mohd Sharif, direttrice esecutiva di Un Habitat, l’agenzia delle Nazioni unite per gli insediamenti umani.

Una “nuova normalità”

Il quadro che emerge dunque è di grande difficoltà e da tutte le parti si evoca il rischio di quello che viene definito “il ritorno alla normalità”, ossia il processo che porta le città a non intervenire significativamente sui punti deboli che hanno caratterizzato il periodo pre-crisi, dalla riduzione delle disuguaglianze al raggiungimento della neutralità climatica.

Ma come sarà possibile trasformare la crisi in un’opportunità per le città?

"Una delle più grandi lezioni apprese dalla crisi del Covid-19 è che le città sostenibili e resilienti sono state in grado di gestire meglio la pandemia", ha affermato Jan Vapaavuori, sindaco di Helsinki, in un recente evento della Banca mondiale, sottolineando come valga la pena “porre ancora più enfasi sui temi della sostenibilità rispetto a prima”. Secondo Un-Habitat, che in maggio ha pubblicato il rapporto “Cities and pandemics: towards a more just, green and healthy future”, a causa della pandemia 120 milioni di persone finiranno in povertà e il tenore di vita si ridurrà del 23%. Una “nuova normalità” può emergere nelle città se alloggi, servizi e sicurezza avranno la priorità. Sono quattro le chiavi su cui si concentra il Rapporto: ripensare la forma e la funzione della città; affrontare la povertà e le disuguaglianze; ricostruire una nuova economia urbana (sostegni per aiutare le piccole imprese, i lavoratori informali e i settori a rischio); rendere più chiare la legislazione urbana e la governance.

Il primo elemento, relativo a nuovi modelli urbani più sostenibili, è particolarmente rilevante, soprattutto in previsione della crescita futura delle città. Entro il 2050 si stima che quasi il 70% delle persone vivrà in aree urbane. La velocità e la portata dell'urbanizzazione, rileva l’Onu, presentano sfide significative per garantire la disponibilità di alloggi, infrastrutture e trasporti adeguati. Bisogna dire che, dallo scoppio del Covid-19 e anche prima, in un certo numero di città sono stati introdotti nuovi modelli che vanno in qualche modo ad affrontare i problemi di pianificazione urbana: la città compatta, i “superblocchi”, la città dei 15 minuti, la città senza auto o una combinazione di questi elementi.

Ma quali sono gli impatti di queste iniziative?

Le città compatte (in inglese compact cities) sono caratterizzate da una maggiore densità residenziale, distanze più brevi e un uso più diversificato del territorio. Uno degli elementi cardine è il trasferimento dai veicoli a motore privati verso i pedoni, le biciclette e il trasporto pubblico a basse emissioni. Le città compatte portano grandi benefici alla salute dei cittadini, come ha rivelato uno studio pubblicato nel 2016 sulla rivista The Lancet che aveva come autore principale il professor Mark Stevenson dell’Università di Melbourne.

Barcellona, invece, sta progettando di creare oltre 500 cosiddetti “superblocchi” per ridurre il traffico dei veicoli a motore all’interno di alcune strade, per fornire più spazio per le persone e le aree verdi. Secondo Francesca Bria, già assessora alle Tecnologie e all’innovazione digitale di Barcellona al fianco della sindaca Ada Colau, l’iniziativa ha permesso di riconquistare il 60% dello spazio pubblico, riducendo fortemente i livelli di CO2 e favorendo una mobilità più sostenibile. Si stima anche che i superblocchi potrebbero prevenire quasi 700 morti premature ogni anno nella città catalana.

Parigi, invece, sta introducendo il modello della città dei 15 minuti, un luogo dove lavoro, scuola, intrattenimento e altre attività possano essere raggiunti a un quarto d’ora a piedi da casa. La Ville du quart d’heure è stato uno dei cavalli di battaglia nella campagna elettorale che, a primavera del 2020, ha portato alla riconferma del sindaco di Parigi Anna Hidalgo. Ma è Carlos Moreno, urbanista franco-colombiano associato presso la Sorbona di Parigi, l’artefice di questo modello che ha fatto il giro del mondo come un nuovo approccio urbano e territoriale segnato da tre idee principali: cronourbanismo, per dare un nuovo ritmo alla città considerano i tempi nella pianificazione urbana; cronotopia. La visione di Moreno è quella di una città policentrica, dove la densità abitativa venga resa piacevole, dove gli abitanti possano soddisfare sei categorie di funzioni sociali: vivere, lavorare, rifornirsi, curarsi, imparare e divertirsi. “Dobbiamo ripensare le città in base ai quattro principi guida che sono gli elementi chiave costitutivi della città dei 15 minuti”, ha affermato Moreno nel corso di un Ted Talk. In primo luogo, l'ecologia: per una città verde e sostenibile. In secondo luogo, la vicinanza: vivere a ridotta distanza dalle altre attività. Terzo, la solidarietà: per creare legami tra le persone. Infine, la partecipazione dovrebbe coinvolgere attivamente i cittadini nella trasformazione del loro quartiere. 

Policentrismo e dispersione

Si fa strada, insomma, l’idea di una città policentrica, o città arcipelago, per usare l’espressione dell’architetto Stefano Boeri, autore del celebre Bosco verticale di Milano, in cui le priorità siano la desincronizzazione dei tempi di vita, la riduzione del traffico e un maggiore impiego degli spazi aperti, come strade e piazze, giardini e parchi. L'architetto milanese è convinto che dopo la pandemia nelle metropoli nasceranno quartieri più vivibili e autosufficienti per sostituire i grandi aggregatori di oggi (rivedi qui il suo intervento all’ASviS Live del 4 giugno 2020).

“L’idea di creare un policentrismo urbano capace di superare la gerarchia spaziale tra centro e periferia è una strategia molto giusta”, afferma Walter Vitali, direttore scientifico di Urban@it-Centro nazionale di studi per le politiche urbane e coordinatore del Gruppo di lavoro Goal 11 dell’ASviS. “Da decenni gli urbanisti ci lavorano ma è indubbio che il Covid-19 stia accelerando questo processo. Il secondo elemento è muoversi nel solco della sostenibilità. A me pare che la lezione principale della pandemia sia nella formula “One world One health”, ossia nel fatto che non possiamo scindere la sostenibilità urbana da quella globale, e anche i rischi collegati alla distruzione degli habitat naturali si combattono attraverso un diverso modello di sviluppo. Non c’è dubbio che la principale sfida urbana sia questa”.

Una visione d’insieme è fondamentale, secondo Vitali, per mettere in stretta relazione le città e il territorio circostante: “Non c’è dubbio che dalla pandemia sia venuta alla luce una certa fragilità urbana, però inviterei a non ragionare per contrapposizioni. Il territorio nelle sue diverse articolazioni ha bisogno di una visione complessiva che tenga conto del rapporto tra le città e le aree esterne, e questa non è una scoperta della pandemia. Nel dibattito internazionale si ritiene che la dispersione urbana sia il principale nemico della sostenibilità, perché è legata a una mobilità individuale, su distanze lunghe da percorrere in auto. Non vedo in Italia una grande attenzione su questo. Vorrei sentir parlare di più di alleanza con le aree interne, di borghi, di patti territoriali. Anziché pensare a una fuga dalle nostre città, diciamo che queste vanno risanate e rese sostenibili”.

di Andrea De Tommasi

Lunedì 05 Luglio 2021